Il percorso in Gestione condivisa della Diversabilità è rivolto a tutti i docenti ed aspiranti tali nonché agli educatori e a tutti i professionisti della relazione di aiuto che, a vario titolo, ruotino intorno al minore con disabilità e siano coinvolti, in particolare, nel suo percorso educativo e formativo. Affinché essi siano edotti circa il processo di integrazione ed inclusione, ivi è presentata tutta la normativa in materia, susseguitasi da trent’anni a questa parte che ha avuto inizio con quella che ha rappresentato il punto di svolta nella normativa

per l’handicap, non solo in campo scolastico, ovvero la legge-quadro 104/92 per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.

Prosegue, poi, per chiarirne il ruolo, con l’istituzione della figura dell‘insegnante “di sostegno”, nata giuridicamente con il D.P.R. 970/1975, ulteriormente definita dalla Legge 517/77. Sono enucleati, in merito alla didattica, i contenuti della direttiva 27.12.2012 MIUR circa gli strumenti d’intervento per gli alunni con bisogni educativi speciali nonché gli aspetti più propriamente legati all’organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica. Tra gli strumenti e le maggiori metodologie adoperate si fa riferimento alla didattica speciale, al cooperative learning e la strumentazione didattica multimediale come nuove frontiere dell’inclusione a scuola nonché tutti i tipi di interventi anche

esterni alla scuola, ovvero il coinvolgimento della comunità educante tutta, in primis la famiglia e poi i servizi territoriali, che, a vario titolo, siano coinvolti nei percorsi di promozione della salute e della integrazione del minore disabile certificato. In buona sostanza, il percorso mira a fornire all’insegnante tutti gli strumenti e teorici e pratici per poter promuovere l’integrazione dell’alunno disabile a scuola.

Perché conseguirlo con Aristotele?

Conseguire il corso di perfezionamento con ARISTOTELE FORMAZIONE permanente, consente ad ogni studente di verificare, accompagnato e sostenuto da formatori specializzati, se il corso scelto è incline alle attitudini pratiche e lavorative del richiedente. Un tutor personalizzato orienterà le scelte dello studente per conseguire il titolo nel minor tempo possibile rispondendo ai singoli bisogni economici.

Obiettivi del corso:

Con una connotazione disseminative approach, il percorso punta, in realtà, a favorire un modello di didattiche inclusive diffuso, orientato da una didattica universale, che sollecita l’evoluzione dell’attuale ruolo professionale dell’insegnante di sostegno. Un’evoluzione che non può prescindere dal riconoscimento e dalla conoscenza che l’attuale ruolo del docente di sostegno esercita per l’integrazione degli alunni con disabilità. Da oltre quarant’anni, il concetto di integrazione scolastica degli alunni con disabilità ha assunto significativa rilevanza nel dibattito educativo nazionale. Le conoscenze delle metodologie in ambito di tutela e supporto agli alunni con problematiche deve essere, però, un cardine di tutti i docenti che operino nel nostro sistema nazionale di istruzione. Il percorso pluridisciplinare consente di acquisire quell’insieme di conoscenze e competenze necessarie per affrontare e vincere la sfida dell’integrazione e dell’inclusione secondo una visione condivisa. Tutti gli insegnanti di classe, non solo quelli di sostegno, devono essere capaci di rispondere ai bisogni educativi degli alunni con disabilità, di modo da favorire interventi calibrati sulle condizioni personali di ciascuno e promuovere così l’integrazione scolastica.

A chi è rivolto:

Possono iscriversi i cittadini italiani e stranieri che siano in possesso di uno dei seguenti titoli:

– Diploma di laurea quadriennale (vecchio ordinamento); Diploma di laurea triennale e/o laurea specialistica /magistrale secondo il DM 509/99 e successivo;

– Diploma delle Accademie delle Belle Arti, dei Conservatori e dell’ISEF;

– Titoli equipollenti ai precedenti conseguiti all’estero, preventivamente riconosciuto dalle autorità accademiche;

– Sono, inoltre, ammessi coloro in possesso di un Diploma di Scuola secondaria superiore o titolo di studio di pari grado conseguito all’estero e riconosciuto idoneo dal Consiglio del Corso.

Programma:

Il Corso di perfezionamento in Gestione condivisa della Diversabilità si articola in 5 percorsi disciplinari fruibili on line, per un impiego complessivo di n. 60 crediti formativi universitari (CFU) e per un ammontare di 1500 ore totali. Tutta la didattica sarà fruibile su piattaforma telematica accessibile 24h.

Lista di perfezionamenti

ECP05 – METODOLOGIA CODING E PENSIERO COMPUTAZIONALE (Riedizione)

ECP06 – LO SPORT COME METODOLOGIE PER L’INTEGRAZIONE E PER IL BENESSERE SOCIALE (Riedizione)

ECP07 – LA DIDATTICA, LA FUNZIONE DEL DOCENTE E L’INCLUSIONE SCOLASTICADEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) (Riedizione)

ECP08 – IL METODO MONTESSORI, AGAZZI E PIZZIGONI: MODELLI DI DIDATTICA DIFFERENZIATA A CONFRONTO (Riedizione)

ECP09 – SCUOLA 4.0: PERCORSI INTERATTIVI PER L’EDUCAZIONE DIGITALE E PER L’APPRENDIMENTO STEM (Riedizione)

ECP17 – I MODELLI ESPERIENZIALI – IL DOCENTE TECNICO PRATICO E LA SUA IMPORTANZA NELLO SVILUPPO DELLE PROFESSIONALITA’ DEL DOMANI

ECP18 – LA FIGURA DELL’EDUCATORE MUSICALE COME NUOVO MODELLO DI DOCENTE INCLUSIVO

ECP19 – LA GESTIONE DEL CASO PUBBLICO, GLI ASPETTI CARDINE DEL FUNZIONARIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ECP21 – LA DIMENSIONE SOCIALE DELL’APPRENDIMENTO: CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING (CLIL)

ECP22 – LA GESTIONE CONDIVISA DELLA DIVERSABILITÀ: IL RUOLO DEL SOSTEGNO NEL PRIMO CICLO

ECP23 – LA DIDATTICA DELLE EMOZIONI: INTELLIGENZA EMOTIVA E PROMOZIONE DEL BENESSERE IN CLASSE (prima edizione)

ECP24 – IL TEACHER TRAINING NEL PROCESSO EDUCATIVO E TERAPEUTICO DELL’ALUNNO CON ADHD (prima edizione)

ECP25 – L’ANIMATORE SOCIALE (PRIMA EDIZIONE)

ECP26 – DSA E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: IL TERRITORIO E IL RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIA (prima edizione)

Contattaci Per Informazioni